Torre del Greco (NA)
+393683218736
flayfotoemoda@gmail.com

Fotografare la Luna

Articolo di Antonio Izzo

La Luna è sempre uno dei soggetti più affascinanti per un fotografo, è sempre li, la vediamo quasi tutti i giorni eppure è sempre irraggiungibile.

Tutti gli appassionati una volta almeno ci hanno provato a tirar fuori uno scatto singolare del nostro Satellite.

Vediamo insieme come poter immortalare la Luna nel migliore dei modi.

Attrezzatura:

– Cavalletto

– Teleobiettivo

– Comando remoto

Prima di tutto abbiamo bisogno di un teleobiettivo di almeno 300 mm di focale, chiaramente più è lunga la focale dell’obbiettivo, (l’ideale un 500 – 800 mm) più riusciremmo ad avere una inquadratura chiara e nitida che ci permetterà di tirar fuori anche qualche affascinante particolare.

Se non si dispone di obiettivi così costosi anche una fotocamera bridge, grazie allo zoom molto spinto, può aiutarci a realizzare scatti soddisfacenti nonostante non abbia la qualità fotografica di una reflex.

Quando si ha a che fare con focali cosi lunghe è difficile a mano libera realizzare scatti privi di mosso o micromosso quindi è necessario posizionare la fotocamera su un cavalletto e scattare con autoscatto o con un comando remoto.

Tempi di scatto e diaframma

La luna può trarci in inganno perché è un soggetto notturno quindi i neofiti possono pensare che sia necessaria una lunga esposizione. In realtà è un corpo di per se molto luminoso quindi si possono usare tempi di scatto abbastanza rapidi. Il tempo di scatto da cui partire è 1/125 ma si può scendere fino a 1/320 se la condizione presenta una luna piena o particolarmente luminosa.

I tempi di scatto sopra citati ci permettono di avere un buon contrasto e cogliere tutte le sfumature della superficie lunare. Per ottenere delle immagini con dettagli nitidi gli iso vanno tenuti bassi, 100 o 200 e l’apertura del diaframma impostata tra f/8 ed f/11.

Composizione

Vediamo ora quale composizione scegliere per rendere uno scatto della luna più accattivante.

La foto di una luna piena può essere a prima vista soddisfacente ma può farci perdere attenzione su alcuni elementi che risultano più interessanti.

Se ad esempio scegliamo di scattare in una serata con la luna che presenta un lato in ombra, potremo apprezzare molto di più il rilievo dei crateri.

Possiamo anche decidere di non rendere la luna l’unico elemento della nostra foto ma inserirla in un contesto paesaggistico o meno dando anche un più reale senso delle proporzioni rispetto al nostro punto di vista.